A PALERMO NASCE IL NUOVO MOVIMENTO ANTIMAFIA

Centonove 22.7.11

 

“Cittadinanza per la Magistratura”

A PALERMO NASCE IL NUOVO MOVIMENTO ANTIMAFIA

 

Sono giovani e giovanissimi, apolitici ma interventisti, con i magistrati e contro le strumentalizzazioni mediatiche. A Palermo, dopo tanti anni di assenza, sabato 16 aprile e venerdì 6 maggio si è rivisto un popolo antimafia che scende in strada e vuole diventare protagonista nella lotta a Cosa Nostra. “Siamo liceali, universitari, professionisti e semplici cittadini sensibili ai temi della giustizia e della legalità – dice un ragazzo a nome del comitato “Cittadinanza per la Magistratura” che tiene all’anonimato per una precisa scelta dell’organizzazione di evitare protagonismi e personalismi – Il nostro faro è la Costituzione che, come dice Calamandrei, si fonda suoi centomila morti della Resistenza”. Nelle strade del centro che portano dal Palazzo di giustizia a Piazza Massimo, quel sabato 16 aprile freddo e piovoso, faceva una certa impressione vedere sfilare tanti ragazzi con striscioni di sostegno alla magistratura e sentire slogan contro la mafia. Facce degli storici movimenti antimafia ce n’erano pochissime.

Tranne qualche “ragazzo” di Addiopizzo, tutti gli altri erano volti nuovi e soggetti mai visti. “Nel nostro movimento ci sono persone di tutte le tendenze politiche e non abbiamo voluto alcuna bandiera nel nostro corteo – continua – Non vogliamo divisioni nell’antimafia. Al contrario, cerchiamo i punti che ci uniscono. Il nostro slogan è “UNITI tra NOI, UNITI per VOI!”. E a differenza dei movimenti antimafia nati dopo le stragi del ’92, vogliamo prevenire gli omicidi e le stragi stando accanto a chi si trova in prima linea. Infatti, dopo l’allarme lanciato da Antonio Ingroia sulla possibilità che Matteo Messina Denaro potrebbe essere tentato di riprendere la linea stragista, non ce la siamo sentita di stare inermi ad aspettare la prossima tragedia. Su facebook ci siamo subito scambiati messaggi e ci siamo incontrati per fare qualcosa. E’ nata così la fiaccolata del 16 aprile”. Motore e anima del movimento “Cittadinanza per la Magistratura” sono alcune realtà nuove e non schierate, come Resistenza Antimafia, le Agende Rosse e Scorta Civica. Ma ci sono anche associazioni che hanno una storia più lunga, come Addiopizzo e Muovi Palermo. Altre sono un pò più politiche, il Movimento 5 stelle e il Popolo Viola. Ma loro, i ragazzi che abbiamo davanti, con forza e determinazione ripetono che sono singoli individui e non insieme di sigle.

Venerdì 6 maggio, a distanza di venti giorni dalla fiaccolata, altra iniziativa e altra sorpresa. L’Aula Magna del Palazzo di giustizia di Palermo è stracolma all’inverosimile e il procuratore capo Francesco Messineo, intervenendo, non nasconde la sua meraviglia “Ero a casa, e quando i miei colleghi mi hanno detto che la gente non riusciva a entrare tutta nell’aula, non volevo credere alle mie orecchie. Non mi aspettavo una risposta così forte e sono contento che la città si è stretta attorno a noi”. “Notte per la Costituzione” è stata organizzata dalla giunta distrettuale di Palermo dell’Associazione Nazionale Magistrati, ma “Cittadinanza per la Magistratura” ha dato un notevole aiuto per la riuscita dell’incontro. Anche in quest’occasione pochissime presenze note e tante persone nuove. Nino Di Matteo, pubblico ministero nei più importanti processi antimafia in corso, ha confidato ad alcuni ragazzi del movimento che dopo quella serata si è sentito sollevato e meno isolato. “Il nostro è un movimento attivo che vuole prendersi delle responsabilità – dice un altro ragazzo – Siamo convinti che si può fare qualcosa. Siamo stufi delle commemorazioni e stiamo attenti all’oggi, a quelli che sono vivi. Vogliamo stare a fianco dei magistrati ogni giorno, e non vogliamo farne degli eroi”. E una cosa fondamentale vuole aggiunge il primo “La presunta divisione fra le Procure di Caltanissetta e Palermo sull’attendibilità di Massimo Ciancimino è solo una costruzione giornalistica, un ingigantimento di normali e naturali differenze di vedute”.

Giovanni Burgio

 

LE RECENTI ASSOCIAZIONI ANTIMAFIA

RESISTENZA ANTIMAFIA

E’ un’associazione di liberi cittadini che si battono in difesa dell’indipendenza della Magistratura e dei diritti e libertà sancite dalla Costituzione Repubblicana nata dalla Resistenza. Al di fuori di partiti e movimenti istituzionali, è contro la mafia e per la libertà d’informazione in Italia.

LE AGENDE ROSSE

Il Movimento delle Agende Rosse nasce dagli incontri tenuti in tutta Italia da Salvatore Borsellino, fratello del magistrato Paolo, Benny Calasanzio, Sonia Alfano ed Enzo Guidotto, su invito di gruppi di giovani spesso appartenenti od orbitanti attorno ai MeetUp di Beppe Grillo. I temi sono il rispetto della legalità, la funzione della Società Civile, la difesa della Magistratura, l’approfondimento delle tematiche relative alla criminalità mafiosa e alle sue infiltrazioni nella politica e nella pubblica amministrazione, la richiesta di verità e giustizia sulle stragi del ’92 e ’93. 

Nel corso di questi incontri il movimento ha cominciato a crescere, anche senza avere ancora questo nome. Si è poi consolidato con le manifestazioni davanti le questure per esprimere solidarietà a Gioacchino Genchi e, soprattutto, con il presidio in Via D’Amelio il 19 luglio 2009 dove le Agende Rosse sono comparse per la prima volta.

COMITATI DI SCORTA CIVICA

Nascono su ispirazione del Movimento delle Agende Rosse. La prima “Scorta civica” è nata a Caltanissetta il 23 gennaio 2010 dopo la notizia del fallito attentato al gip Giovanbattista Tona. Migliaia sono scesi in piazza per dare solidarietà a Tona e ai magistrati della procura antimafia che stavano indagando sui mandanti esterni alle stragi di Capaci e via D’Amelio del 1992.

A maggio dello stesso anno a Palermo nasce un comitato di “protezione civica” per il giudice Ingroia che indaga sui rapporti tra mafia e politica. Una scorta volontaria composta da normali cittadini e un gruppo di professionisti che escono allo scoperto con l’obiettivo dichiarato di difendere, non solo dal punto di vista militare, i magistrati.

Annunci

Pubblicato il luglio 22, 2011, in antimafia con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: